blog Notizie di benessere

UNA CALDA MERENDA PER I GIORNI DELLA MERLA

Pubblicato il 30 gennaio 2020 da Cerealblog

Diverse città con diverse storie: ognuna racconta il proprio mistero

Tante leggende e nessuna spiegazione certa. Perché si chiamano così?

merla-su-neve

Il 29, 30 e 31 Gennaio sono conosciuti come i Giorni della Merla. Si sa che sono giornate fredde ma non si sa il vero motivo per cui si chiamano così. Una leggenda narra che una merla insieme ai propri piccoli, per ripararsi dal freddo si rifugiò dentro un comignolo. Il 1 Febbraio ne uscì tutta grigia a causa della fuliggine. Fu così che da quel momento tutti i merli femmina e i piccoli divennero grigi. Questa è la leggenda più comune, ma in ogni zona dell’Italia c’è una leggenda che prova a raccontarne la storia, eccone qualcuna.

A CREMONA

In questa città si narra che ci fu un anno molto mite. I merli, che erano bianchi, deridevano Gennaio per il fatto che l’inverno stesse finendo e non ci fosse stata neanche una giornata gelida. Questo fece arrabbiare Gennaio che si vendicò facendo arrivare un freddo polare. A causa delle temperature i merli, allora bianchi, dovettero rifugiarsi nei comignoli, diventando così tutti neri.

NEL MODENESE

A Modena si dice che un tempo, durante i giorni della merla, faceva talmente freddo che le “razdore” – le donne che gestivano la casa, il bestiame e tessevano la lana - si chiudevano in casa per preparare la polenta con un sughetto fatto di uccelli. Non si sa che tipo di volatili ne facessero parte, ma i merli ne erano compresi. Era infatti facile catturarli perché indeboliti dal freddo polare.

A FORLÌ

Nel Forlivese la leggenda narra che una merla bianca, dopo essersi protetta tutto l’inverno al calduccio del suo nido, ne uscì gli ultimi tre giorni di Gennaio vedendo che un bel sole si stava levando nel cielo. Però fu all’improvviso colpita da un freddo polare e costretta a rifugiarsi all’interno di un camino fumante. Si salvò dal gelo ma diventò tutta grigia.

E noi cosa possiamo fare per ripararci dal freddo? Perché non goderci una golosa cioccolata calda davanti al camino? Un momento di “coccola” tutto per noi o in compagnia di amici come ottima occasione per fare qualche sana risata.

cioccolata-calda- cappello

Come prepararla a regola d’arte, se si è intolleranti al latte? Céréal ha pensato proprio a tutti! Consiglia infatti di utilizzare la bevanda di Avena Bio Céréal senza zuccheri aggiunti. Naturalmente senza lattosio e a basso contenuto di grassi saturi, il suo utilizzo è l’ideale per chi ha intolleranze e desidera preparare una bevanda buona e sana allo stesso tempo.

Una valida alternativa per chi volesse dare un gusto più aromatizzato alla cioccolata calda è la bevanda Avena Cocco senza zuccheri aggiunti. Naturalmente senza lattosio e con avena 100% italiana, conferisce un sapore più sfizioso alla normale cioccolata calda.

Inoltre, su sito di Nutrishopping è possibile acquistare sia la bevanda di Avena Bio Céréal che la bevanda Avena Cocco comodamente online, basta un click!

Che aspettate a provarli? Il freddo sta per arrivare!

 

 

 

 

 

 

TORNA AL BLOG